09/09/2011

Dopo cinque lunghi anni e quattro diversi medici, ho scoperto la vera vita


Le vostre lettere alla nostra redazione


CONDIVIDI SU
Per tutte le donne che soffrono: il dolore di può sconfiggere!
Da che mi ricordi, per me fare l’amore non è mai stato piacevole. Da sempre, fin dall’inizio, ho provato dolore. Dapprima solo un senso di fastidio che poi, però, è via via aumentato: tanto che, alla fine, il sesso per me era diventato qualcosa da affrontare per senso del dovere, un’azione meccanica a cui mi sottoponevo stringendo i denti, assolutamente priva di spontaneità e di desiderio. Ogni volta che andavo da un ginecologo mi sentivo dire che era normale, ero irritata, dovevo aspettare di essere sufficientemente lubrificata. E allora vai di lubrificanti… ma non cambiava niente. Sempre male. Mi sentivo diversa, sfortunata, mi chiedevo come fosse possibile che a tutte il sesso piacesse e a me no. Evidentemente ero io, dovevo solo stringere i denti i primi cinque minuti, e poi bene o male mi restava solo il bruciore. E pazienza se ogni tanto mi venivano delle cistiti… Nelle donne sono frequenti, no? E’ normale, mi dicevano.
Poi la svolta. Cerco su Internet i miei sintomi, e mi rispecchio in quelli della “vestibolite vulvare”. Mi faccio visitare da un’ostetrica che conferma la mia ipotesi e mi dice che, oltretutto, i muscoli della mia vagina si sono irrigiditi e contratti a tal punto, a causa dell’infiammazione, che devo effettuare delle sedute di fisioterapia. E’ solo allora che decido di rivolgermi ai miei genitori, con i quali non ho mai avuto un vero dialogo sulla sessualità, pur essendo entrambi medici. Anche loro cercano su Internet, e alla fine trovano il nome di quella che sarebbe stata la meravigliosa dottoressa che mi ha guarita.
Una volta visitata e confermata la diagnosi, mi viene prescritta una cura che modifica radicalmente il mio stile di vita: niente zuccheri e lieviti, niente pantaloni, e un bel po’ di farmaci da prendere ogni giorno. In più, massaggi e esercizi da eseguire quotidianamente, e una serie di sedute di riabilitazione del pavimento pelvico. All’inizio è stato uno shock: ero effettivamente malata! Ma se ero malata e c’era una cura, allora potevo guarire, e tornare a una vita serena! Ho deciso quindi di prendere le indicazioni alla lettera, e dato che viaggio sempre per lavoro ho dovuto organizzarmi bene per portarmi in giro i quarti di pastiglia contati, o per evitare di mangiare il classico “panino al volo”. Ma non ho mollato, ho tenuto duro, e già dalla visita successiva la situazione era molto migliorata! Non c’era quasi più dolore, e i miei muscoli, da rigidi ed esausti, erano diventati elastici e stavano riacquistando forza.
Nel frattempo conosco il mio attuale partner, un meraviglioso uomo che ha avuto la pazienza di accompagnarmi in questo viaggio che sarebbe durato ancora qualche mese. E così, dopo sei mesi dall’inizio della cura, ho avuto il via libera per ricominciare i rapporti. Un sogno! Non c’è più dolore, e non solo: sono addirittura piacevoli! Incredibile, non avrei mai pensato di poterlo fare! Certo, devo stare attenta a come mi vesto, a quello che mangio e fare sempre i miei esercizi per mantenere il muscolo elastico e forte, ma… dopo cinque lunghi anni e quattro diversi medici ho scoperto un’altra vita. O meglio: la vera vita!
E come se non bastasse, la riabilitazione mi ha permesso di conoscere il mio corpo molto a fondo, e ora so come comandare i muscoli che, un giorno, mi permetteranno di partorire. E proprio perché ora sono elastici e li so governare bene, la dottoressa dice che dovrei avere un parto facile!
Sono profondamente grata alla dottoressa che mi ha ascoltata e mi ha guarita, così come a tutti i suoi collaboratori. E a tutte le donne dico: tenete duro, il vostro dolore si può sconfiggere!
Carlotta

top

Articoli correlati:

Audio stream

16/08/2008 - Dolore ai rapporti e vestibolite vulvare: guarire si può

Schede mediche

08/04/2008 - Vestibolite vulvare e vulvodinia – Seconda parte

17/04/2008 - Vestibolite vulvare e vulvodinia – Terza parte

Testimonianze

27/07/2012 - Vestibolite vulvare: con la cura giusta, miglioro di mese in mese

06/04/2012 - Vestibolite vulvare, un dolore vero da curare con competenza e sensibilità

04/11/2011 - Come l'omissione diagnostica ha favorito la cronicizzazione della mia malattia

21/10/2011 - Tre anni di dolore, ed era tutto curabile!

15/07/2011 - Di vestibolite si può guarire: l'importante è incontrare il medico giusto!

25/03/2011 - Vestibolite vulvare: guarire è possibile

28/01/2011 - Di fronte al dolore la risposta non può essere: "Sopporta"

08/10/2010 - Da antro inospitale a grembo felice

20/11/2009 - Vestibolite vulvare: il dramma del ritardo diagnostico

11/09/2009 - Nuovi ricordi per il mio corpo, una nuova vita per me

05/06/2009 - Come ho superato la vestibolite vulvare: farmaci, imenotomia, e un rapporto straordinario con il mio medico

22/05/2009 - Dolore, paura, solitudine: le tre facce perverse della vestibolite vulvare

24/04/2009 - Vestibolite vulvare: quando il vero nemico è l'omissione diagnostica

27/03/2009 - La nostra vita testimonia che il dolore può essere sconfitto

05/12/2008 - Terapia medica e stili di vita: le mie armi vincenti contro la vestibolite vulvare

Le vostre domande

03/09/2010 - Vestibolite vulvare: essenziali un'anamnesi accurata e l'esame obiettivo

Parole chiave:
Cistite recidivante - Dispareunia - Fisioterapia - Ginecologia - Pavimento pelvico iperattivo - Riabilitazione uroginecologica - Stili di vita - Terapia medica - Vestibolite vulvare / Vestibolodinia provocata

Stampa

© 2011 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico