15/09/2016

Irregolarità mestruali: che cosa si può fare


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica, H. San Raffaele Resnati, Milano
Dott.ssa Dania Gambini
Dipartimento di Ginecologia e Ostetricia, H. San Raffaele, Milano


CONDIVIDI SU
“Ho il ciclo da circa cinque anni, ed è sempre stato molto irregolare. So che potrebbe essere a causa dello stress, però sono stufa di averlo così. Secondo voi è troppo presto per prendere il cerotto? La pillola non la vorrei prendere, perché sono allergica a molti farmaci e sono intollerante al lattosio. Volevo sapere anche quali sono i requisiti per assumerlo. Grazie”.

top

Gentile amica, considerando l’irregolarità mestruale che ormai manifesta da diversi anni le consigliamo di effettuare, se non già eseguiti, i dosaggi ormonali completi comprensivi della valutazione della funzionalità tiroidea e della prolattinemia in terza-quarta giornata del ciclo.
Nel caso in cui non si evidenziassero particolari problemi, e in assenza di controindicazioni assolute (fra cui un’alterazione della funzionalità epatica o un aumento del rischio trombotico), si può ricorrere a una terapia estro-progestinica per ottenere la regolarità mestruale cercata. Nel suo caso, essendo intollerante al lattosio, può ricorrere all’utilizzo di preparati per via transdermica, ossia il cerotto. Un cordiale saluto.

top

Parole chiave:
Cerotto contraccettivo - Contraccezione / Contraccezione ormonale - Disturbi mestruali - Mestruazioni

Stampa

© 2016 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico