15/03/2018

Vulvodinia: la speranza oltre la rassegnazione


Prof.ssa Alessandra Graziottin
Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica, H. San Raffaele Resnati, Milano
Dott.ssa Dania Gambini
Dipartimento di Ginecologia e Ostetricia, H. San Raffaele, Milano


CONDIVIDI SU
“Ormai da 6 anni soffro di dolori pelvici, cistiti ricorrenti, bruciori, pressione e gonfiore all’interno della vagina; e soprattutto soffro di dolori durante e dopo i rapporti. Ormai non so più a chi rivolgermi: sono rassegnata. Leggendo su internet mi sono resa conto che forse soffro di vulvodinia… Vi prego di aiutarmi”.

top

Gentile amica, i sintomi da lei descritti possono effettivamente rappresentare la manifestazione tipica della vulvodinia (dolore vulvare): tale condizione patologica raggruppa diverse forme di manifestazione, la cui diagnosi è essenzialmente clinica, basata cioè sui sintomi descritti e sui segni obiettivabili in sede di visita ginecologica (iperemia a livello vulvare, dolore alla digitopressione, ipertono della muscolatura del pavimento pelvico).
E’ una condizione curabile e si può arrivare alla guarigione completa nel giro di alcuni mesi: a tal fine è necessario instaurare un protocollo farmacologico completo basato sull’utilizzo di farmaci miorilassanti, antimicotici e antinfiammatori, da associare a norme dietetico-comportamentali (eliminare gli alimenti lievitati e gli zuccheri semplici, garantire un’adeguata attività intestinale, evitare gli indumenti attillati) in aggiunta a sedute di riabilitazione del pavimento pelvico ad azione miorilassante. Non si abbatta: la soluzione c’è! Un cordiale saluto.

top

Parole chiave:
Cistite recidivante - Dispareunia - Dolore ai rapporti - Dolore pelvico cronico - Dolore vulvare / Vulvodinia

Stampa

© 2018 - Fondazione Alessandra Graziottin

FAIR USE: Il contenuto di questo lavoro è a libera disposizione per il download, la stampa e la lettura a titolo strettamente personale e senza scopo di lucro. Ogni citazione per finalità didattiche e/o scientifiche dovrà riportare il titolo del documento, il nome dell'autore (o degli autori), i dati del libro o della rivista da cui il lavoro è tratto, e l'indirizzo del sito (www.fondazionegraziottin.org).

ATTENZIONE: Ogni terapia va individualizzata e monitorata in ciascuna paziente dal medico specialista esperto nel campo. Queste schede informative non possono in alcun modo sostituirsi al rapporto medico-paziente, né essere utilizzate senza esplicito parere medico